Le piante: radice, fusto e foglia

Le piante e le strutture vegetative: radice, fusto e foglia. Guida botanica

Nelle piante si considerano strutture vegetative quelle strutture che sono in relazione alla cresciuta e allo sviluppo, come la radice, il gusto e le foglie: esse non sono direttamente connesse alla riproduzione sessuale. Vediamo nel dettaglio le componenti della nostra pianta.
piante

La radice

Si chiama radice quella parte dell’asse della pianta che di solito non è verde ed è posta sotto la superficie del suolo.

La funzione tipica della radice, di solito fortemente ramificata, è l’assorbimento dell’acqua e delle sostanze minerali presenti nel suolo. Tuttavia essa ha anche altre funzioni; poiché infatti le sostanze assorbite sono poi utilizzate da tutte le cellule della pianta, naturalmente il processo di trasporto de ve avvenire anche attraverso la radice. Oltre al trasporto, un’altra funzione è quella di riserva dato che molte radici accumulano materiali elaborati. Le ramificazioni della radice e la loro penetrazione nel suolo servono sia ad ancorare la pianta sia a trattenere il suolo, difendendolo dai venti e dalle piogge violente.

Il fusto

Il fusto si trova tipicamente sopra la superficie del suolo ed è la continuazione dell’asse della pianta. Tra radice e fusto non esiste naturalmente una linea netta di demarcazione ma vi è un graduale passaggio dall’una all’altra struttura. Il fusto si ramifica in vari modi, dando luogo alle forme più o meno tipiche delle diverse piante e può essere legnoso o non legnoso. Contro ogni apparenza, il fusto ha soprattutto la funzione di trasportare l’acqua e i sali minerali assorbiti dalle radici e le sostanze elaborate dalle foglie alle altre parti della pianta. In esso infatti sono ben sviluppati i tessuti vascolari o conduttori. I fusti inoltre producono e sostengono le foglie; funzionano anche come centri di riserva e se hanno clorofilla possono anche elaborare sostanze.

La foglia

La foglia è un’appendice del fusto e può essere di forma varia: carnosa o sottile, aghiforme o laminare, ridotta a squama ecc.
Di solito si presenta verde oppure, se essa appare di un altro colore (ad esempio rossa) è perché la clorofilla è mascherata dai pigmenti accessori. La funzione della foglia è strettamente legata alla presenza della clorofilla; essa infatti fa si che le cellule di una foglia possano utilizzare l’energia luminosa per produrre sostanze organiche da materiale inorganico (anidride carbonica e acqua): tale processo è chiamato fotosintesi. Poiché il cibo necessario a tutti gli organismi viventi dipende da tale processo, l’importanze delle piante nella vita di ogni specie, inclusa l’uomo, è fondamentale.

No Comments, Be The First!

Your email address will not be published.