(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-63272625-1', 'auto'); ga('send', 'pageview'); Nuove scoperte su Hallucigenia

Nuove scoperte su Hallucigenia

hallucigenia

Nuove ricerche portano alla luce i segreti di Hallucigenia sparsa, la creatura più misteriosa vissuta nel periodo cambriano

Fino a poco tempo fa di Hallucigenia Sparsa, una creatura dalle sembianze di un verme vissuta nel periodo cambriano 508 milioni di anni fa, si sapeva molto poco e quelle poche informazioni ricavabili dai resti fossili erano lacunose, incomplete ed errate.

Ad esempio, uno studio effettuato su un esemplare rinvenuto un secolo scorso, descrisse l’Hallucigenia come un piccolo verme dotato di zampe e senza testa. La testa e la coda non erano state individuate fino ad oggi, quando due ricercatori dell’Università del Canada sono riusciti a descrivere un fossile rinvenuto a Burgess Shale.
Quelli che vennero scambiati erroneamente per zampe, sono in realtà aculei che rivestono un esoscheletro che ricopriva il corpo di Hallucigenia. L’invertebrato, aumentando di dimensioni con l’età, cambiava anche il suo esoscheletro.
hallucigenia
Le scoperte più affascinanti riguardano però la testa:
Differentemente da quanto si pensava fino ad oggi, l’Hallucigenia aveva una testa a forma di cucchiaio, con una bocca, due occhi e perfino dei denti.
Si trattava dunque di una creatura estremamente evoluta per il periodo. Il suo corpo era tubolare, molto stretto, delle dimensioni di una ciocca di capelli.

Nell’albero evoluzionistico l’Hallucigenia può essere ritenuta una sorta di antenato degli odierni artropodi, categoria che comprende insetti, ragni e crostacei.