Plutone, nuove straordinarie immagini da New Horizons

pltuone

Plutone, nuove immagini ci svelano la superficie del pianeta un poco per volta

Plutone si mostra in tutto il suo affascinante e desolante aspetto nell’ultima serie di immagini inviateci dalla sonda NASA New Horizons, che ci mostra la superficie screziata di Plutone in un dettaglio straordinario.
I pori poligonali nell’immagine qui mostrata misurano rispettivamente dalle 10 alle 25 miglia e possono anche raggiungere una profondità di svariate decine di chilometri, verso il cuore del piccolo pianeta ai bordi del nostro Sistema Solare. Gli scienziati pensano che l’interno di Plutone sia un po’ più tiepido, e ciò implica che oltre la superficie a bassa temperatura si trova azoto sciolto. Nel modello proposto dagli scienziati il materiale caldo sale verso l’alto, quindi si raffredda di nuovo in superficie e ricade verso il basso, secondo un ciclo continuo – un po’ quello che accade in una pentola piena d’acqua portata al punto di ebollizione. “Questa parte di Plutone si comporta come un cratere di lava“, ha detto ‘William McKinnon del programma New Horizons in un comunicato. Al centro dell’immagine si trova ciò che gli scienziati hanno definito un iceberg composto da acqua sporca.
pltuone
Il team di New Horizons ha collegato insieme diverse immagini per 400 miglia lungo la traiettoria di New Horizons Nella sequenza sono visibili i bordi dei vari crateri e le aree di flusso rivestite di una polvere rossa. La colorazione rossa proviene dal tholins – molecole che si formano quando la luce del sole reagisce con il metano e azoto presenti nell’atmosfera di Plutone.
Per alcuni scienziati non vi è ormai alcun dubbio che al suo interno Plutone possa ospitare un oceano, ben protetto dalla sua spessa crosta di ghiaccio. Se ciò confermato, la presenza di un oceano su Plutone avrebbe profonde implicazioni, perché aumenterebbe la probabilità che altri corpi ghiacciati potrebbero ospitare acqua allo stato liquido, condizione fondamentale per la presenza della vita, sia pure in forme molecolari piuttosto ‘primitive’.
Il fatto che anche freddo, il lontano Plutone potrebbe avere un oceano sotto la superficie significa che ci sono potenziali habitat anche in luoghi apparentemente poco promettenti“, spiega Francis Nimmo, uno altro scienziato del programma New Horizons.

About Antonino Maniscalco
Appassionato scrittore di cucina vegana, ornitologia, e medicina ayurvedica, mi occupo ormai da anni del mondo videoluca

No Comments, Be The First!

Your email address will not be published.