(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-63272625-1', 'auto'); ga('send', 'pageview'); Ratti antimine anche in Cambogia

Ratti antimine anche in Cambogia

ratti

Ratti antimine anche in Cambogia: il governo utilizza i roditori come già avvenuto in Angola e Mozambico

I ratti antimine sbarcano anche in Cambogia, dopo le prove effettuate in Colombia, Angola e Mozambico. Si tratta di una squadra ben organizzata composta da 15 giganteschi ratti, alcuni anche dal non indifferente peso di 2kg, importati dalla Tanzania e addestrati da belgi.

Hang Ratana, direttore del Cambodian Mine Center ha detto che si tratta di un esperimento:
“Se i ratti sono qualificati allora li useremo, altrimenti li rispediremo indietro.”
ratti
A causa dei cambiamenti climatici cui sono stati sottoposti, i ratti sembra abbiano avuto qualche difficoltà ad adattarsi. Un membro dello squadrone è già morto nella sede della preparazione, il complesso monumentale di Angkor in mezzo alla foresta della Cambogia.

La Cambogia è reduce da una feroce guerra civile iniziata nel 1960 che l’ha devastata economicamente e nel territorio.
Diverse mine inesplose sono ancora nascoste in attesa di un malcapitato passante. I ratti antimine avranno l’arduo compito di identificare gli ordigni inesplosi, che solamente nel 2014 hanno causato 154 vittime fra morti e feriti.